Elvis Costello, D’Angelo e i The Roots ieri sera al Carnegie Hall per il tributo a Prince

Posted by

2012-12-27_120505

Ieri sera c’è stato il concerto tributo tutto dedicato a Prince organizzato da Michael Dorf al Carnegie Hall di New York. Importanti musicisti e cantanti si sono esibiti per rendere onore a Prince e alla sua musica.  Questa la setlist dello show e sotto alcuni video e articoli recuperati in rete.

The Waterbooys : Purple Rain
Booker T. Jones & Diane Birch : Raspberry Beret
Nina Perrson : Nothing Compares 2 U
fDeluxe : High Fashion – Mutiny
Sandra Bernhard : Little Red Corvette
DeVotchka : Mountains
Bhi Bhiman : When Doves Cry
Kat Edmonson : The Beautiful Ones
Blind Boys Of Alabama : The Cross
Citizen Cope & Alice Smith : Pop Life
Talib Kweli : Annie Christian
Bilal : Sister
Bettye Lavette : Kiss
Princess (tribute band) : Darling Nikki
Elvis Costello : Moonbeam Levels
D’Angelo : It’s Gonna Be A Beautiful Night
Finale : 1999

—-mluaq

—–

……

Articoli:

http://www.huffingtonpost.com/2013/03/08/prince-tribute-carnegie-hall_n_2836004.html?utm_hp_ref=entertainment
http://music-mix.ew.com/2013/03/08/prince-tribute-carnegie-hall-dangelo-elvis-costello/
http://www.oregonlive.com/celebrity-news/index.ssf/2013/03/prince_tribute_concert_pulls_i.html
http://www.rollingstone.com/music/news/elvis-costello-the-roots-chris-rock-lead-carnegie-hall-prince-tribute-20130308

…………

Video:

—–

—–

—–

—-

https://www.youtube.com/watch?v=ncjTqeLPgHw

———–

Annunci

5 comments

  1. Una follia arrangiare “Sister” in quel modo. Bellissima! Con Wendy sul palco poi… Noto con piacere che Elvis Costello ha interpretato uno degli inediti che preferisco.

    Mi piace

  2. Personalmente direi che Sister è stata arrangiata in maniera oscena, così perde qualsiasi idea di brano e melodia, è solo un insieme di atmosfere per fare i fichi. Infine l’interpretazione di Costello mi lascia dire quanto Prince sia sempre e comunque il migliore.

    Mi piace

  3. Concordo sull’interpretazione di Costello, come la cover si Sign O’ the Times dei Muse, lasciano a desiderare se paragonate agli originali, ma Sister e’ geniale. L’ho riconosciuta solo dal testo. I primi 3 minuti sembrano riarrangiati dal fantasma si Syd Barrett poi occhio a 3’15” diventa quella di Prince :-)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.